Le donazioni ad Amnesty International possono essere dedotte o detratte: leggi i benefici fiscali.
Per avere maggiori informazioni, è a disposizione il nostro Servizio Sostenitori: email infoamnesty@amnesty.it   |  tel. 06 44.90.210  |  fax 06 44.90.243
Amnesty International - Sezione Italiana, Via Magenta 5, 00185 Roma

FIRMA L'APPELLO

FIRMA

La brutale uccisione di Giulio Regeni ha scioccato il mondo, ma ha anche acceso i riflettori sul metodo delle sparizioni forzate praticato in maniera sistematica oggi in Egitto.

Un nuovo modello di violazione dei diritti umani che i ricercatori di Amnesty International hanno documentato attraverso fatti e testimonianze. Il quadro che ne risulta è allarmante: in media tre-quattro persone al giorno sono vittime di sparizioni forzate nel paese. Una strategia mirata e spietata dell’Agenzia per la sicurezza nazionale guidata dal ministro degli interni egiziano Magdy Abd el-Ghaffar.

Dal 2015 centinaia di egiziani tra cui studentiattivisti politicimanifestanti e altri sono stati sottoposti a sparizione forzata per giorni o mesi. Le vittime, compresi bambini, vengono trattenute in centri di detenzione non riconosciuti, senza alcuna supervisione giudiziaria, e sottoposti a maltrattamenti e torture al fine di ottenere una "confessione". 

 

Amnesty International Italia






Scegli il formato e fai copia/incolla del codice html.

  • Banner 300x50px
  • Banner 300x250px
  • Banner 468x70px
  • Banner 120x600px
  • Banner 728x90px
  • Banner 200x200px

Scopri la piazza più vicina a te

SEI UN BLOGGER? DIFFONDI LA STORIA DI RAIF

Avere un blog non è un reato. Ma in alcuni paesi aprirne uno è molto rischiosoPuoi sostenere Raif Badawi  diffondendo la sua storia e raccogliendo firme.  Pubblica sul tuo blog un banner invitando a firmare per Raif.  Scrivi un articolo su Raif, racconta il suo caso, promuovi le attività in programma. Diffondi #bloggingisnotacrime nei tuoi post

 
SOSTIENI AMNESTY DIFENDI I DIRITTI UMANI

Sparizioni forzate in egitto 

LA storia di giulio regeni non È UN CASO isolato! 

Leggi il testo dell'appello

«Pensi di avere un prezzo? Possiamo ucciderti, metterti in una coperta e buttarti in qualsiasi bidone e nessuno chiederà di te»

Un carceriere a Islam Khalil, scomparso per 122 giorni

Scarica il rapporto completo

Un volto irriconoscibile, su cui si è abbattuto "tutto il male del mondo", ha raccontato Paola, la mamma di Giulio Regeni, studente italiano ucciso in Egitto. "Ho riconosciuto Giulio solo dalla punta del naso. Quello che è successo non è un caso isolato". Il caso di Giulio ha svelato al mondo il metodo delle sparizioni forzate in Egitto.

 

Islam ha confessato reati che non ha mai commesso. Lo ha fatto dopo 122 giorni di torture passati quasi tutto il tempo bendato e ammanettato. Dopo essere stato pestato ripetutamente, Islam ha raccontato di essere stato appeso al soffitto della sua cella con una catena di ferro. I suoi carcerieri hanno continuato a usare violenza su di lui fino a quando non ha perso conoscenza. AGGIORNAMENTO: Il 30 agosto 2016, dopo aver pagato una cauzione di più di 5mila dollari, è stato rilasciato. Il fratello si Islam ci ha mandato un messaggio di ringraziamento: "Grazie a tutti per il vostro aiuto, questa è la ragione principale per cui mio fratello oggi è stato rilasciato".

 

La vita di Karim è cambiata nella stazione di polizia di Dar el Salam. Quando gli agenti della Nsa lo hanno fermato era un semplice studente di ingegneria di 22 anni. Oggi rischia di essere condannato a morte perché costretto a confessare di volersi unire allo Stato Islamico. Karim ha confessato dopo circa quattro mesi dalla sua scomparsa. Gli agenti lo hanno ammanettato e bendato, picchiato con dei bastoni e utilizzato scariche elettriche anche sui genitali.

 

Aser ha solo 14 anni, ma ha già visto l'inferno. Per tre giorni consecutivi. Lo ricorderà per tutta la vita, guardando le cicatrici sulle braccia, segni visibili delle torture inflitte dai suoi carcerieri che si sono accaniti anche sulla sua lingua, sulle sue labbra e sul suo petto. Si sono fermati solo quando Aser ha accettato di dire loro qualunque cosa.

Scariche elettriche, pestaggi, violenze.
Le storie delle vittime delle sparizioni forzate in Egitto

La campagna #veritàpergiulioregeni

Giulio Regeni

Islam Khalil

Karim

Aser

Fix the following errors:
Hide